venerdì 1 gennaio 2016

HAPPY BIRTHDAY

Buon Compleanno mamma!!!





MADRE

MI ACCOGLI SORRIDENDO,
GLI OCCHI TUOI PRONTI
SAN COGLIERE QUEL
STO VIVENDO.
PAROLE SENZA EDITTO
SON SU DI ME CONFORTO,
MI DAN NUOVO VIGORE
A CAMMINAR DIRITTO.
LA VITA MI HAI DATO
CURATO E VEZZEGGIATO,
AMATO E SPRONATO
MOLTO MI HAI INSEGNATO.

“DISPONIBIL SEMPRE TU SIA,
“IL PROSSIMO TUO AIUTA,
LA PORTA SEMPRE APERTA
“IN CASA TUA LA GIOIA:
“E QUANDO AVRAI DOLORE
LA DIGNITA’SIA GRANDE
“PER SUPERAR LE PROVE
“CH’E’SCRITTO SIAN PER TE”.

SE PUR CANUTO E STANCO
HO MOLTO DA IMPARARE,
LE SAGGE TUE PAROLE,
I TUOI CARI SILENZI
SON LINFA SEMPRE NUOVA
CHE SCORRE NELLE VENE.
E SE ADOMBRAR TI FACCIO,
PERDONAMI SE PUOI,
PER TE SON SEMPRE BIMBO
ANCHE SE UN PO’CRESCIUTO.
LA NEVE SUI CAPELLI,
LA VISTA UN PO’VACILLA,
L’UDITO NON E ‘PRONTO,
MA IL CUORE TUO E’GRANDE
E L’ANIMO SERENO.
IN TANTI GIORNI BUI
L’UNICA LUCE VIVA
PER CONTINUAR A VIVERE
SENZA GUARDAR INDIETRO.
MI HAI DATO TANTO
E POCO HAI PRETESO,
ESEMPIO DAMORE
SENZA RITORNO


ME L’E’BRUTT A DIVENTA’ VECC!!

Me l’è brutt a diventà vecc!!
Te ghe vedet pù, te ghe sentet pù,
i cavei in diventà pocch e stan pù al sò post..
e i gamb…i gamb fan giacom, giacom!!
la vos te capiset pù se l’è la tua  o
quella de l’oltre tomba!
Me l’è brutt a diventà vecc!!
Te scappa semper el nomm di personn
E te ciappet un grand nervòs,
te se ricordet pù i robb
de des minutt fa…ma…
te vegnen in de la ment
i momentt pussee bei de la tua vitta!.
Me l’è brutt a diventà vecc!!
I momentt in due gh’era pocch o nient,
in due gh’era no el compiuter e

El celulare, ma te provà la paura
Di bombardament in del temp de guerra,
te conossuu la tua amisa del couer che
la t’è  stada semper visina,
i to moros vecc, el sgobbadà in del negozzi,
quant la mama la te ciamava e ti te seret drè
a giugà in su l’era con i tò amis!!
Me l’è brutt a diventà vecc!!
I penser van e vegnen come
Una pelicula en bianch e negher,
momentt bei, momentt brutt,
adess te gh’è de stà attent a caminà
minga de ciappà denter,
la bicicletta l’è diventada un sogn
e andà in gir te gh’è  semper la compagnia
del mal de schenna!
Me l’è brutt a diventà vecc!!
De bòn  a gh’è che i tò pè
an  lassà una bella impronta
In su la sabbia de la vita,
an  semper fa del ben
e pocch ne turna indrè
ma fa nagott,,
e anca se te se vecc te se content
perché el to coeur l’è restà giovin!!!
Oh Me l’è brutt a diventà vecc!!