lunedì 29 giugno 2015

POTPOURRI DI PENSIERI...estivi 2


Ecco in particolare cosa le persone positive NON fanno:
1. Non si aspettano il peggio.
E' sorprendente come molti problemi non esisterebbero se la tua mente non li inventasse. Le persone positive sanno bene che saltare subito alle conclusioni (negative) non è mai una buona idea. Preparati sempre ad affrontare il peggio, ma agisci con la fiducia che le cose andranno nel verso giusto.
2. Non negano la verità.
E' piuttosto facile vivere in una bugia, perché le bugie sanno crescere in modo così esponenziale da far spesso dimenticare la verità. Le persone positive sono pienamente consapevoli che per prosperare e avere successo, è necessario affrontare la verità e non accampare scuse quando qualcosa non è andato per il giusto verso.
3. Non portano rancore.
Le persone positive hanno l'abilità di comprendere che il risentimento e il rancore portano soltanto dolore nella loro vita. Il segreto è lasciarli andar via, senza aggrapparsi ad essi. Scegli di accettare e perdonare ciò che è accaduto in passato, ricavane degli insegnamenti preziosi e liberati dal peso del rancore.
4. Non dimenticano le piccole cose.
È facile dimenticare le piccole cose? Sicuramente. Ma le persone positive si comportano diversamente, perchè esprimono gratitudine per tutto ciò che di bello c'è nella loro vita, non importa quanto sia grande o piccolo. Prima di cadere nel tranello di pensare che sarai davvero felice solo quando avrai di più, inizia ad essere riconoscente per ciò che già hai.
5. Non si tirano indietro.
Le persone positive si assumono la piena responsabilità per come stanno le cose nella propria vita. Prendono in mano le redini della loro vita e agiscono. Se commettono errori e cadono, non ne fanno un dramma: si scuotono la polvere di dosso e ci riprovano con ancor più convinzione. Non tirarti indietro, se non vivi la tua vita da protagonista nessun altro potrà farlo al posto il tuo.
6. Non vedono i problemi come "problemi".
La parola "problemi" è sinonimo di "sfide" per le persone positive. Queste credono che ogni ostacolo si presenti come un'opportunità che è ancora da scoprire. Le persone positive si concedono la possibilità di sfidare se stessi e crescere continuamente.
7. Non si rassegnano allo status quo.
Nei momenti difficili le persone positive non vedono la realtà come un muro su cui i sogni sono destinati a infrangersi. Tutte è possibile con l'azione, la volontà e la disciplina. Ciascuno di noi è l'artista in grado di dipingere la propria vita come il migliore dei capolavori.
8. Non si annoiano.
La noia è un luogo dove la creatività, l'ispirazione e la produttività muoiono. Le persone positive sono affascinate da tutto ciò che le circonda. Esplorano il mondo con entusiasmo e curiosità, ponendo domande e cercando attivamente risposte.
9. Non lasciano che i pensieri negativi prendano il controllo della loro mente.
Le persone positive sono pienamente consapevoli che i pensieri negativi hanno soltanto delle conseguenza autodistruttive. Quando un pensiero negativo ti passa per la testa, non aggrapparti ad esso: prendine consapevolezza, osservarlo attraversare la tua mente come una nuvola nel cielo e lascialo andare via.
10. Non fanno confronti con gli altri.
Le persone positive comprendono perfettamente che ciascuno di noi è a suo modo diverso, con i propri pregi e i propri difetti, i propri tempi e le proprie peculiarità. Per questo sanno che è assolutamente inutile confrontarsi con altri se non con se stessi. Sono sicure di quello che hanno e di quello che fanno. Invece di concentrarsi su cosa stanno facendo gli altri, si focalizzano su come migliorare se stessi.
11. Non si colpevolizzano per ogni piccolo errore.
Le persone positive non guardano al fallimento come a una cosa terribile da evitare a tutti i costi. Sanno che il fallimento è una possibilità che può verificarsi quando si intraprende una nuova strada o si cerca di realizzare qualcosa di nuovo. Vedere il fallimento per quello che è (un'opportunità di apprendimento e niente di più) è un aiuto insostituibile per superare gli ostacoli lungo il percorso verso il successo.
12. Non pensano che la vita sia perfetta.

Le persone positive mettono da parte il concetto di perfezione, perché sanno che aggrapparsi ad esso è controproducente. Se riterrai completata un'attività solo quando sarà perfetta, allora non porterai mai a termine nulla. Se per agire aspetterai il momento perfetto, allora continuerai a procrastinare all'infinito. Agisci qui e ora dando il meglio di te stesso e dimentica la nozione di perfezione
Risultati immagini per lottare per i propri sogni
Non ti arrendere mai,
neanche quando la fatica si fa sentire,
neanche quando il tuo piede inciampa,
neanche quando i tuoi occhi bruciano,
neanche quando i tuoi sforzi sono ignorati,
neanche quando la delusione ti avvilisce,
neanche quando l’errore ti scoraggia,
neanche quando il tradimento ti ferisce,
neanche quando il successo ti abbandona,
neanche quando l’ingratitudine ti sgomenta,
neanche quando l’incomprensione ti circonda,
neanche quando la noia ti atterra,
neanche quando tutto ha l’aria del niente,
neanche quando il peso del peccato ti schiaccia…
stringi i pugni, sorridi……….e ricomincia.


1- Non vi preoccupate di quello che pensano gli altri di voi.
(il segreto della Libertà)
2- I nostri pensieri più profondi si materializzeranno.
(il segreto della Realtà)
3- Amate e accettate il Vostro corpo.
(il segreto della Bellezza)
4- Non parlate male delle persone e non giudicate.
(il segreto dell'Amicizia)
5- Regalate l'amore e amate senza limiti.
(il segreto dell'Amore)
6- Imparate prima a dare e poi a ricevere.
(il segreto della Ricchezza)
7- Pensate di meno, amate di più e sorridete sempre.
(il segreto della Felicità)


«Cammineremo.
Cammineremo soltanto.
Sarà piacevole camminare insieme.
Senza pensare di arrivare da qualche parte.Cammina in pace. Cammina nella gioia.
Il nostro è un cammino di pace.
Poi impariamo
che non c’è un cammino di pace;
camminare è la pace;
non c’è un cammino di gioia;
camminare è la gioia.
Noi camminiamo per noi stessi.
Noi camminiamo per ognuno
sempre mano nella mano.
Cammina e tocca la pace di ogni istante.
Ogni passo è una fresca brezza.
Ogni passo fa sbocciare un fiore sotto i nostri piedi.
Imprimi sulla terra il tuo amore e la tua gioia.
La terra sarà al sicuro
se c’è sicurezza in noi.»
Thich Nhat Hanh - monaco Zen

domenica 21 giugno 2015

venerdì 19 giugno 2015

POTPOURRI DI PENSIERI...estivi 1


Con te senza di te. La consapevolezza è il primo passo per guarire e cambiare.
Quando affronti le sfide lungo il viaggio sei tentato di tornare indietro o di incolpare qualcun altro per la situazione.
Il giusto approccio è che tutte le sfide esterne sono semplicemente lo specchio della tua resistenza interiore al cambiamento.

Come raggiungere la Consapevolezza
1.     La consapevolezza consiste nel far sorgere la nostra presenza autentica, lasciarci prendere vita nel qui ed ora ed entrare in contatto con le cose.
2. La consapevolezza ci fa riconoscere che la vita è già presente. Possiamo essere davvero in contatto con lei e darle significato e profondità.
3. La consapevolezza dona forza vitale all'oggetto della nostra osservazione, lo tocca e lo abbraccia. Questo ci dà nutrimento e guarigione.
4. La consapevolezza trasmette raccoglimento e concentrazione. Se siamo concentrati nella nostra quotidianità possiamo osservare più profondamente e capire meglio ogni cosa.
5. La consapevolezza rende possibile l’osservazione profonda e fa sì che riconosciamo meglio l’oggetto della nostra osservazione fuori e dentro di noi.
6. La consapevolezza conduce alla comprensione che viene dal profondo della nostra interiorità; porta alla chiarezza e favorisce così la disponibilità all'accettazione.
7. La consapevolezza conduce alla liberazione tramite la comprensione così raggiunta. Ovunque si pratichi la consapevolezza c’è vita, comprensione e compassione.


2.     IL VASO DELLA FELICITA’
3.     Elisabeth Gilbert ha condiviso su facebook questo esercizio che da anni fa e propone, lo condividiamo tradotto in italiano, certi che sarà di enorme aiuto e sostegno per tutti voi.
4.     "Carissimi,
5.     Eccoci alla fine dell’anno e così ho pensato che potesse essere un buon momento per presentare a tutti voi il concetto del Vaso della Felicità.
6.     Qui sono io col mio!
7.     Cos'è un Vaso della Felicità? E’ la cosa più semplice al mondo. Prendete un vaso (o una scatola, o un contenitore qualsiasi) e ogni giorno, alla fine della giornata, prendi un foglietto e vi scrivi il momento più felice del giorno.
8.     Lo fate anche nelle giornate schifose, perché anche in quelle giornate c’è un momento più bello (o almeno un momento che è il meno peggio).
9.     E poi metti il foglietto nel vaso.
10.   Nel corso degli anni avrai una documentazione della tua felicità.
11.   Nelle brutte giornate, metto la mano in quel vaso e pesco – prendendo una manciata di grandi momenti che avrei assolutamente dimenticato se non li avessi documentati.
12.   Faccio questa pratica da anni, e mi piace tantissimo.
13.   Se la mia casa andasse a fuoco, questo sarebbe l’unico oggetto materiale che prenderei prima di correre fuori dalla porta… perché cosa c’è dentro questo vaso? ECCO COSA: il punto centrale di questa vita.
14.   Nel corso degli anni il mio Vaso della Felicità mi ha insegnato molto. Ciò che mi stupisce continuamente è quello che scivola sulla carta ogni giorno. Non eventi sbalorditivi, non grandi acquisizioni: normalmente solo cose piccole e minuscole, un momento di consapevolezza… quel momento in cui esci e tra la casa e la macchina vieni colpito in testa da un raggio di sole e all'improvviso ti senti inondato di gratitudine semplicemente per il fatto di essere vivo e pensi: “Sì, è così”.
15.   E’ solitamente qualcosa di piccolo, e qualcosa di grande.
16.   So che molti di voi hanno iniziato anch’essi questa pratica, e mi piacerebbe vedere la foto del vostro vaso e sentire come lo avete adattato alla vostra vita. Mi piace la donna che ne ha messo uno in mezzo al tavolo del soggiorno e ogni giorno lei e i suoi bambini ci mettono qualcosa: che fantastica pratica familiare! E la donna che la scorsa settimana mi ha scritto che aveva avuto l’anno più duro della sua vita, ma aveva continuato a portare avanti la pratica del Vaso della Felicità e oggi, l’ultimo giorno dell’anno, prenderà ogni pezzettino di carta del vaso per ricordare che persino adesso, nei momenti più duri, c’era sempre stato un buon momento al giorno.
17.   Quindi se qualcuno vuole iniziare questa pratica domani... Un nuovo anno è sempre un buon momento per incominciare!
18.   Mando amore e, naturalmente, auguro a tutti voi un abbondanza di Momenti Felici nel 2015.
Elisabeth Gilbert"

Cadi sette volte, rialzati otto volte!” -

La vita si articola inevitabilmente in fallimenti e lezioni da imparare. Ogni sbaglio e ogni insuccesso rappresentano un'impareggiabile opportunità di crescita. I fallimenti e le sconfitte sono delle tappe spesso inevitabili di ogni successo e di ogni traguardo raggiunto. Le persone positive hanno sempre la piena consapevolezza che ogni fallimento è un momento di avvicinamento al successo, per questo non devi arrenderti mai: anche quando cadi l'obiettivo è sempre lì ad attenderti.



LOCANDINE UTL...testimoni dell'impegno di un anno!!!!



















































giovedì 4 giugno 2015

UTL....si chiude un anno fantastico!!!!

La festa di fine anno"accademico"ha messo la firma a un anno che ci ha visto impegnati su più fronti. Siamo partiti con più di 700 corsisti,50 docenti e 15 segretari con "soli" 96 corsi pomeridiani e serali.
Per non farci mancare nulla abbiamo creato quelli che abbiamo chiamato i "venerdì in UTL" dove si
sono succedute lezioni che andavano dal mondo delle stelle alla psicologia associata alla scrittura infantile al mondo delle stelle e dei pianeti, dalla psicologia infantile sui "capricci"(che ha richiesto una ripetizione per il grande interesse che ha riscosso)alla camminata nordica e...per finire nn potevano mancare i...funghi cinesi! Abbiamo svolto un vero e proprio lavoro in rete con diverse Associazioni presenti sul territorio,partecipato a iniziative del comune come feste cittadine e di quartiere e...con l'iscrizione del 2014 si è diventati automaticamente soci UTL.
Queste solo alcune foto della festa di fine anno...













































..e per non farci mancare niente ma proprio niente le nostre docenti di Inglese e Francese, come ormai tradizione consolidata da anni, hanno messo in scena uno spettacolo anglo-francese all'insegna della FELICITA'...felicità di esprimersi n lingua,,con intermezzi scherzosi in italiano. Una dimostrazione da parte dei corsisti di collaborazione, di disponibilità e di...cultura !!!Bravissimi!!!Grazie a Cinzia e Elisabetta che oltre la loro cultura linguistica sono anche tanto..ma tanto..pazienti!!!!!





























a per finire la nostra compagnia teatrale dei FUORI CORSO sempre guidata dalla sapiente regia di Clara hanno portato sulle scene venerdì 29 e sabato 30 maggio lo spettacolo "Verso gli anni 60" che ha riscosso, come e più dei precedenti, un incredibile successo. Spettacolo che è già stato richiesto da altri paesi per le manifestazioni che vi si tengono.Da corso di teatro con un primo...saggio di sei persone a una vera e propria compagnia di 19 attori uno più bravo dell'altro nel giro di soli tre anni. Bravissimi e bravissima la regia!